Sostenibilità, un asset sempre più importante per le aziende: il quadro della situazione

La sostenibilità è il processo di cambiamento nel quale lo sfruttamento delle risorse, il piano degli investimenti, l’orientamento dello sviluppo tecnologico e le modifiche istituzionali sono tutti in sintonia e valorizzano il potenziale attuale e futuro, al fine di far fronte ai bisogni e alle aspirazioni dell’uomo.

Tale concetto sta diventando sempre più parte integrante e determinante delle strategie di molte aziende.

Una presa di posizione netta nei confronti dell’impatto ambientale e sociale del proprio business implica, per un’impresa, allargare questa attenzione anche a tutti i partner con cui si collabora.

Inoltre, la sfida sarà quella di come rendere un’azienda green e come offrire posti di lavoro etici, nell’ottica di imprese ecosostenibili che abbiano nei propri piani di sviluppo sempre più attenzione agli obiettivi di responsabilità sociale.

Secondo una recente indagine realizzata da LinkedIn, l’86% dei membri Millennial Generation, i nati alla fine del XX secolo, sarebbero favorevoli ad uno stipendio ridotto pur di lavorare in un’impresa ecosostenibile, che abbia quindi nella propria mission e nella lista dei valori quelli della sostenibilità.

Vediamo insieme quali sono i prossimi obiettivi e la situazione del nostro Paese in tema sostenibilità!

 

Il Quadro legislativo

  •       L’Agenda 2030: redatta dai governi dei 193 paesi membri dell’Onu, definisce 17 macro-obiettivi per lo sviluppo sostenibile, in un grande programma d’azione per un totale di 169 target o traguardi, che dovranno guidare il mondo sulla strada da percorrere nell’arco dei prossimi 10 anni: i paesi, infatti, si sono impegnati a raggiungerli entro il 2030;

 

  •       Accordo di Parigi 2015: ratificato da 188 Paesi che si impegnano ad implementare politiche per limitare il surriscaldamento entro il limite di 1,5 gradi centigradi o al massimo di 2 gradi;

 

  •       Sistema Europeo di Scambio di Quote di Emissione (EU ETS): regolamenta il cap&trade così chiamato perché fissa un tetto massimo ( cap ) al livello complessivo delle emissioni consentite a ai soggetti vincolati, ma permette ai partecipanti di acquistare e vendere sul mercato (trade) diritti a emettere CO2 (quote) secondo le loro necessità, all’interno del limite stabilito. I gestori degli impianti possono quindi scegliere la combinazione economicamente più vantaggiosa tra investire per ridurre le proprie emissioni e acquistare quote a titolo oneroso tramite aste pubbliche o sul mercato.

 

La situazione in Italia: siamo pronti!

L’obiettivo dell’Unione Europea è quella di condurre il maggior numero di aziende verso il tema della sostenibilità.  

Alcune aziende sono ancora convinte che la sostenibilità sia un costo, un freno per la crescita e una zavorra per l’innovazione.

Fortunatamente, però, sono in molti ad avere capito che un approccio strategico che metta al centro la Corporate Social Responsibility (Csr) è un fattore che indirizza e moltiplica le ricadute positive.

È quindi sempre più necessario un approccio di Csr. Solo così le aziende potranno modellare la propria strategia e operatività per affrontare il cambiamento, rispondendo alle aspettative e ai bisogni di tutti gli stakeholder, accrescendo al contempo la competitività e preservando la redditività.

La sensibilità degli italiani rispetto a tali tematiche cresce e condiziona le scelte di acquisto in molteplici settori. La Commissione Europea ha certificato che le aziende sostenibili hanno una redditività superiore del 10% alla media.

Inoltre, sono 34 milioni gli italiani interessati al tema della sostenibilità, in particolare le donne tra i 35 e i 54 anni.

Il 78% delle responsabili acquisto vorrebbe acquistare prodotti con poco o nessun imballaggio. Il 66% dei consumatori ha dichiarato di essere disposto a pagare di più per un brand responsabile.

Il 61% degli italiani è pronto a modificare le proprie abitudini d’acquisto per ridurre l’impatto sull’ambiente. Il 76% degli italiani sostiene che sia importante che un’azienda si comporti eticamente e il 50% che le aziende dovrebbero comunicare il proprio impregno per una produzione sana e sicura.

Cosa vogliono dire questi numeri? 

Semplice, che il nostro Paese è pronto per un approccio sostenibile anche nel mondo business!

 

 

Hai ancora dei dubbi?

Vorresti un supporto per portare il tuo business ad essere ecosostenibile? 

Affidati a noi!

Contattaci! Scrivi a comunicazione@deeperformance.com

Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Condividi questo articolo sui tuoi canali social!